Volume piastrinico e rischio cardiovascolare Stampa E-mail
Scritto da Enrico Bologna   
Mercoledì 14 Settembre 2011

Volume piastrinico e rischio cardiovascolare

Enrico Bologna

Specialista in Medicina Interna, Gastroenterologia e Patologia generale.
Già Primario Ospedale Fatebenefratelli, Isola Tiberina, Roma. 
Libero docente in Patologia Medica, Università di Roma “Sapienza”.


Una recente ricerca, condotta su soggetti diabetici con sindrome coronarica acuta, ha dimostrato l’esistenza di una significativa correlazione tra il volume piastrinico, quale è rilevabile nei comuni esami emocromocitometrici, ed il rischio di morte e di infarto del miocardio.