notiziario Ottobre 2011 N°9 - VITAMINA “D” E SUOI EFFETTI CARDIOVASCOLARI - Alto il rischio cardiovascolare se la Vit. “D” sierica è bassa Stampa E-mail
Scritto da Giuseppe Di Lascio   
Indice
notiziario Ottobre 2011 N°9 - VITAMINA “D” E SUOI EFFETTI CARDIOVASCOLARI
Modalità con cui la Vit. “D” può ridurre il rischio cardiovascolare
Tenore di calcio nella dieta, pressione arteriosa e altro
Vitamina “D”, ormone paratiroideo e pressione sanguigna
Supplementazione di Vit. “D” e pressione arteriosa
Vit. “D” e funzione endoteliale
L’insufficienza di Vit. “D” causa nel tempo l’ipertensione?
Vit. “D” e preipertensione
Vit. “D” e ipertensione
Livelli di Vit. “D” inversamente associati all’ipertensione
Vit. “D” e ipertensione negli individui di colore
Deficit di vit. “D” e fattori di rischio cardiovascolare
Alto il rischio cardiovascolare se la Vit. “D” sierica è bassa
Supplementazione di Vit. “D” e/o calcio e rischio cardiovascolare
Supplementi di Vit. “D” e mortalità nelle anziane
Tutte le pagine

Alto il rischio cardiovascolare se la Vit. “D” sierica è bassa

Grandi NC del German Cancer Research Center, Heidelberg, Germany e collaboratori hanno eseguito una revisione sistematica, fino al novembre 2009, con selezione della segnalazione delle stime di associazione tra la 25-OH-D con l’incidenza degli eventi cardiovascolari e della mortalità nella popolazione generale o nei soggetti con prevalenza della malattia cardiovascolare (Prev Med. 2010 Sep-Oct;51(3-4):228-33). Registravano, così, nei dati provenienti dagli studi prospettici un'associazione inversa tra 25-OH-D e rischio cardiovascolare. Tuttavia, dato il numero e l’eterogeneità dei piccoli studi longitudinali, gli autori intendevano concludere che erano necessarie ulteriori ricerche per confermare un potenziale valore prognostico della 25-OH-D per l'incidenza delle malattie cardiovascolari e per la mortalità.

Mohamed B. Elamin e collaboratori della Mayo Clinic, Rochester, Minnesota, dal loro canto, sulla base dei diversi studi sull’associazione tra i livelli di vitamina “D” e ipertensione, calcificazione delle arterie coronarie e malattie cardiache, hanno voluto riassumere le evidenze nei meriti (J. Clin. Endocrinol. Metab. 2011 96: 1931-1942).
Hanno, quindi, cercato i database elettronici fino all’agosto 2010, relativi agli studi clinici randomizzati, utilizzando il rischio relativo (RR) e le differenze ponderate medie di tutti gli studi. Gli AA hanno selezionato cinquantuno prove elegibili, con qualità moderata, rilevando che la vitamina si associava nel paziente a esiti non significativi di morte [RR, 0,96; intervallo di confidenza al 95% (IC), 0,93, 1,00; P= 0,08], d’infarto miocardico (RR, 1,02, 95% IC, 0.93, 1.13; P= 0,64) e d’ictus (RR, 1,05, 95% IC, 0,88, 1,25; P= 0,59). Queste analisi sono state contrassegnate da una minima eterogeneità.

Non si sono rivelate variazioni significative sugli esiti surrogati delle frazioni dei lipidi, del glucosio o della pressione sanguigna diastolica e sistolica. L'analisi di queste ultime dimostrava anche la loro associazione con una significativa eterogeneità, mentre le stime d’insieme erano insignificanti nei termini assoluti. Gli AA, quindi, hanno concluso che i risultati delle prove a loro disposizione non erano in grado di dimostrare una riduzione statisticamente significativa della mortalità e del rischio cardiovascolare associato con la vitamina “D”, ad eccezione del caso di un aumento banale delle lipoproteine ​​ad alta densità.