Notiziario Settembre 2012 N°8 - ESERCIZIO E SALUTE ANCHE MENTALE - Bevande sportive e aumento del peso negli adolescenti Stampa E-mail
Scritto da giuseppe Di Lascio e Susanna Di Lascio   
Indice
Notiziario Settembre 2012 N°8 - ESERCIZIO E SALUTE ANCHE MENTALE
I mutamenti cognitivi legati all’invecchiamento
Lo stile di vita protegge contro la demenza
Sedentarietà, come importante fattore di rischio per la salute
Sedentarietà in progressione epidemica nella civiltà globalizzata
Vita in città e rischio cardiometabolico
La pratica sportiva in Europa e in Italia
Sport ed esercizio fisico per il benessere delle nazioni
Bevande sportive e aumento del peso negli adolescenti
Le linee guida americane sull’attività fisica per gli anziani
Attività fisica vs intervento strutturato in anziani
Esercizio fisico e declino cognitivo
Severità dell’insufficienza cardiaca e declino della memoria
Esercizio fisico e depressione nello ​​scompenso cardiaco
Invecchiamento, attività fisica e mortalità
L’attività fisica, anche minima, conferisce beneficio sulla mortalità
Tutte le pagine

Bevande sportive e aumento del peso negli adolescenti

Nel corso degli ultimi trenta anni si è registrato un aumento considerevole nel consumo globale di bevande zuccherate che, come riportato dagli scienziati del The Yale Rudd Center for Food Policy and Obesity, hanno rappresentato nel mese di ottobre 2011 la fonte di calorie al primo posto nella dieta degli adolescenti americani. Peraltro, già precedenti studi avevano dimostrato un’associazione addirittura esplosiva tra il consumo di questi alimenti con l'obesità e alcune malattie croniche, come il diabete.
Qibin Qi dell’Harvard School of Public Health e collaboratori nell’ipotesi che un elevato apporto di bevande zuccherate avrebbe potuto influenzare l'associazione tra la predisposizione genetica e l’adiposità hanno analizzato

l'interazione tra predisposizione genetica e assunzione di bevande zuccherate in relazione all’indice di massa corporea (IMC) e al rischio di obesità in 6.934 donne del NHS (Nurses Health Study), in 4.423 uomini del HPFS (Health Professionals Follow-up Study) e anche in una coorte di replica di studio in 21.740 donne del WGHS (Women's Genome Health Study). Il punteggio della predisposizione genetica è stato calcolato in conformità a trentadue IMC-loci associati. L'assunzione di bevande zuccherate è stata esaminata in modo prospettico sull’IMC (NEJM September 21, 2012 (10.1056/NEJMoa1203039).
Nelle coorti NHS e HPFS l'associazione genetica con l’indice di massa corporea era più forte tra i partecipanti con una maggiore assunzione di bevande zuccherate rispetto a quelli con minore assunzione. Nelle coorti combinate gli aumenti IMC per incremento di dieci alleli di rischio erano 1,00 per una dose minore di una porzione il mese, 1,12 per 1-4 porzioni il mese, 1,38 per 2-6 porzioni la settimana e 1,78 per una porzione o più il giorno (p <0.001 per interazione). Per le stesse categorie di assunzione il rischio relativo di obesità per incremento di dieci alleli di rischio era 1,19 (intervallo di confidenza del 95% [IC], 0,90-1,59), 1,67 (IC 95%, 1,28-2,16), 1,58 (95% IC, 1,01-2,47) e 5,06 (95% IC, 1.66 a 15,5) (p = 0.02 per interazione). Nella coorte WGHS, l'aumento dell’IMC per ogni incremento di dieci alleli di rischio risultava 1.39, 1.64, 1.90, e 2.53 tra le quattro categorie di assunzione (P = 0.001 per interazione).  Il rischio relativo per l'obesità era 1,40 (IC 95% , 1,19-1,64), 1,50 (95% IC, 1,16-1,93), 1,54 (95% IC, 1,21-1,94) e 3.16 (95% IC, 2,03-4,92), rispettivamente (p = 0.007 per interazione).
In conclusione, lo studio avrebbe dimostrato, secondo gli Autori, che l'associazione genetica con l’adiposità sembrerebbe essere più pronunciata con una maggiore assunzione di bevande zuccherate. Il gruppo ad alto consumo presentava, difatti, due volte la predisposizione genetica all’elevato IMC, rispetto a quelli del gruppo a bassissimo consumo.
Alison Field dell’Harvard Medical School in Boston e collaboratori, dal loro canto, hanno presentato uno studio alla riunione scientifica annuale Obesity  September 21 2012 su quasi 11.000 figli delle partecipanti al Nurses Health Study II, dai nove a quindici anni. Gli Autori riscontravano che le bevande sportive, spesso con calorie superiori a quanto indicato dalle etichette, avevano un rapporto con l'aumento di peso degli adolescenti ancora più forte delle bibite zuccherate.