Stampa E-mail
Scritto da Giuseppe Di Lascio e Susanna Di Lascio   
Sabato 24 Marzo 2012
Indice
I gravi oneri del tabacco
Cosa c'è in una sigaretta?
L'epidemia mondiale del tabacco, prima causa di morte evitabile
Percentuale di fumatori per sesso e per area di sviluppo nel mondo
Profilo negli anni del consumo globale di sigarette
Prevalenza del consumo di tabacco in Europa
Prevalenza del fumo in Italia per sesso, età e regione
I decessi cumulativi per area d sviluppo nel mondo legati al tabacco
Tutte le pagine

I decessi cumulativi per area d sviluppo nel mondo legati al tabacco

A proposito  di quanto  riportato  non  è di poco rilievo la condizione  che pone il tabacco come prodotto di consumo giuridicamente  lecito e di uso comune in tutto il mondo a causa dei suoi bassi costi, dell’aggressiva e della diffusa commercializzazione, della mancanza di consapevolezza circa i suoi pericoli, dell’inconsistenza delle azioni politiche pubbliche a riguardo.

La continua  ricerca degli effetti  del tabacco sulla salute e l’aumentato numero  di persone coinvolte in quest’abitudine hanno incrementato la lista delle malattie causate  da  esso.  La maggior  parte  dei  danni  alla  salute  diventa,  d'altra  parte, evidente solo dopo anni o addirittura  dopo decenni dall'inizio del suo utilizzo così che,  nel  momento in cui  la  sua  diffusione  globale  è  aumentata  sino a livelli epidemici, le malattie e la morte a esso correlate sono appena iniziate.
l’ISS nello studio PASSI (Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) del 31  maggio 2011,  promosso  mediante  interviste  telefoniche,  ha rilevato  che a seconda  del  metodo  usato  circa  70 -  80 mila  sono  i  decessi  l’anno  in  Italia, attribuibili  all’abitudine  al fumo con oltre un milione  di anni  potenziali  di vita persi.

© Associazione Amec