Stampa E-mail
Scritto da Giuseppe Di Lascio e Susanna Di Lascio   
Sabato 24 Marzo 2012
Indice
I gravi oneri del tabacco
Cosa c'è in una sigaretta?
L'epidemia mondiale del tabacco, prima causa di morte evitabile
Percentuale di fumatori per sesso e per area di sviluppo nel mondo
Profilo negli anni del consumo globale di sigarette
Prevalenza del consumo di tabacco in Europa
Prevalenza del fumo in Italia per sesso, età e regione
I decessi cumulativi per area d sviluppo nel mondo legati al tabacco
Tutte le pagine

Prevalenza del consumo di tabacco in Europa

In   Europa   l’abitudine   al   fumo   si  è  diffusa   dopo   l’inizio   del  20°  secolo, rappresentando  subito la principale causa evitabile di grave disabilità e morte. I fumatori  dai quindici  anni  e oltre  si aggirano intorno  al 26%, corrispondendo  a circa 100 milioni  di persone. Circa cinquanta  milioni  di essi sono destinati  a una morte prematura,  salvo che cessino di fumare. Ciò rende la misurazione  accurata della prevalenza  di questa  tendenza  e il suo monitoraggio  priorità  alte  in tutta l'Unione  Europea. Tramite  l’Eurobarometro la Commissione europea ha misurato in  varie  occasioni  la  prevalenza  del  fumo  in  tutti   gli  stati  membri,  secondo un'analisi dettagliata per sesso, età o altre caratteristiche  da paese a paese, confrontandola con le misure nazionali.
Nell’ambito del Programma  di Formazione in Epidemiologia Applicata del Centro Nazionale  di Epidemiologia, Sorveglianza  e Promozione  della Salute,  l’ISS nello studio  PASSI  (Progressi  delle Aziende  Sanitarie  per  la Salute  in  Italia)  del 31 maggio 2011, promosso mediante interviste  telefoniche, ha rilevato che negli ultimi
40 anni la percentuale dei fumatori  di sesso maschile si è progressivamente ridotta, mentre  è cresciuta tra le donne, fino a raggiungere in alcune regioni la parità nei due sessi. È, inoltre, in aumento la percentuale dei giovani che si dedicano al fumo.